Calligaris Italian Smart Design

Il tuo stile, un'unica scelta | www.calligaris.it

Ecobonus mobili 2013


Ecobonus mobili 2013

Ecobonus mobili 2013

Arredare la casa oggi è davvero molto conveniente grazie alla legge 9 Agosto 2013, n. 98 che converte, con modificazioni, il precedente decreto-legge 21 Giugno 2013, n. 69, contenente “Disposizioni Urgenti per la crescita del Paese e il rilancio dell’economia”.

Grazie alle novità introdotte, il “Bonus Fiscale” permette una detrazione del 50% – con un limite massimo di spesa di 10.000 euro IVA inclusa – sulle spese per l’acquisto di nuovi arredi a seguito di lavori di “Ristrutturazione Edile”. In particolare l’incentivo statale riguarda sia i mobili per la cucina che i mobili per l’arredo domestico in generale come: sedie, sgabelli, tavoli, consolle, credenze/madie, divani, poltroncine, letti, comodini e comò.

Come fare a richiedere l’Ecobonus mobili 2013?

La condizione principale per ottenere l’Ecobonus mobili è costituita dal beneficiare della detrazione sulle ristrutturazioni edilizie. In pratica non possono ottenere la detrazione coloro che rinnovano o acquistano solo gli arredi. La spesa massima di 10.000 euro IVA inclusa va invece aggiunta al limite dei 96.000 euro IVA inclusa per immobile, previsti per le opere di ristrutturazione ordinarie e straordinarie.

Lo sconto dall’imposta lorda va diviso in 10 rate annuali, quindi, può arrivare fino a 500 euro annue con uno sconto massimo di 5.000 euro nel decennio.

Per avere diritto alla detrazione, l’intestatario dei lavori di ristrutturazione dovrà eseguire i pagamenti mediante Bonifici Bancari o Postali, con le medesime modalità già previste per i pagamenti dei lavori di ristrutturazione fiscalmente agevolati. Niente pagamenti in contanti, con assegno o bancomat e carta di credito. L’Ecobonus mobili 2013 infatti segue in tutto e per tutto l’iter previsto per le ristrutturazioni.

Nel bonifico dovranno essere indicati:

  • la causale del versamento attualmente utilizzata dalle Banche e da Poste Italiane, per i bonifici relativi ai lavori di ristrutturazione fiscalmente agevolati;
  • il Codice Fiscale del beneficiario della detrazione;
  • il numero di Partita IVA o il Codice Fiscale del soggetto a favore del quale il bonifico è effettuato.

Come procedere?

Scegli il negozio Calligaris a te più vicino e chiedi un preventivo, senza alcun obbligo di presentare documentazione che attesti di avere i requisiti per accedere alla detrazione, oppure scarica la circolare dell’Agenzia delle EntrateL’agevolazione vale per i bonifici effettuati dalla data di entrata in vigore della legge di conversione e fino al 31 Dicembre 2013. Affrettati, è un occasione UNICA. Ad oggi per l’anno 2014 non sono previste ulteriori agevolazioni.

“Dall’artigianato all’industria, al modello post-industriale. Dal prodotto anonimo alla forza del marchio.”

Calligaris
Italian Smart Design since 1923
www.calligaris.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: